Il desiderio di essere in viaggio e di sfuggire alla routine quotidiana per scoprire qualcosa di nuovo e ripartire alla conquista del mondo accompagna tutti i professionisti che lavorano di testa proprio come la loro fittissima agenda di Outlook.

La manifattura di borse zurighese FREITAG ha deciso di risolvere questo dilemma attraverso un’operazione di outsourcing, inviando all‘avventura due brillanti reporter per consentire a tutti quelli condannati a rimanere a casa di fare la loro parte. Il Grand Tour FREITAG abbina il viaggio di formazione dell’ultimo millennio alla realtà moderna (media, tecnologia, regolamenti vacanze).

Attraverso un processo di selezione assolutamente non democratico, sono stati nominati protagonisti del Grand Tour: il fotografo Jörg Koopmann e il giornalista Michael Hugentobler. A inizio maggio essi si sono armati di bici pieghevole, biglietto InterRail e di “carta bianca“ per la scelta degli itinerari e delle tematiche e ora sono in giro da qualche parte per l’Europa – senza meta e senza scopo, se non quello di raccontarci di tanto in tanto i loro spostamenti, incontri e scoperte. Finora abbiamo già saputo della passeggiata più pericolosa del mondo e ci rallegriamo di leggere della soluzione del problema energetico umano, del popolo più scorbutico del pianeta e di molte altre piccole e grandi sorprese.

Al Grand Tour

Altre storie